Viaggiare per il deserto Australiano con Artec Leo: un pieno di avventura, ma non di diesel

Di Loretta Marie Perera

La sfida: creare Land Rover ecocompatibili realizzate per valorizzare la cultura australiana in modo autentico e responsabile.

La soluzione: Convertire vecchie Land Rover diesel in veicoli a batteria, utilizzando Artec Leo per scansionare l'infrastruttura generale e il telaio dell'auto per modificarla.

Il risultato: una startup che converte, vende e noleggia Land Rover elettriche a privati e aziende in tutta l'Australia e oltre confine.

Il sesto paese più grande del mondo, l'Australia si estende per 2.9 milioni di miglia quadrate. Con una popolazione di poco più di 25 milioni di persone, circa l'85% della popolazione australiana vive in prossimità della sua ampia costa, lasciando molto spazio nel suo interno. Questo rende l'Australia il luogo adatto per grandi avventure: un viaggio nell'entroterra o una crociera lungo la sua splendida costa.

Con così tante possibilità di guida fuoristrada su un'isola così grande, non solo un paese ma un vero e proprio continente, un SUV sembra la scelta più ovvia per la tua grande avventura australiana; una vecchia Land Rover classica sembrerebbe fare al caso tuo. Ma in un'epoca di lotta contro il cambiamento climatico e di ricerca di alternative ecocompatibili, la Land Rover ha un problema fondamentale: la grande quantità di diesel che consuma e le emissioni che produce.

Incontra Juniper, la prima delle produzioni Jaunt. (Immagine di Jaunt / Instagram)

"Ho sempre amato esplorare, fare escursioni e guidare su quattro ruote, e l'Australia è il luogo ideale per questi passatempi", ha affermato Dave Budge, CEO di Jaunt Motors. “Ma mi sentivo un po' in colpa per tutto il diesel bruciato per raggiungere questi luoghi meravigliosi e incontaminati. C'è una parte enorme dell'Australia - alcuni dei posti più belli che ci siano - dove non c'è modo di arrivare se non con quattro ruote motrici."

Con una crescente urgenza di ridurre le emissioni di carbonio, c'erano numerose ragioni per sviluppare un nuovo modo di esplorare il Bush australiano. "Vorresti sentire gli uccelli e il vento - c'è qualcosa che manca quando sei in macchina frastornato dal rumore del motore diesel", ha detto Budge. "E mi sono così ritrovato a desiderare che esistessero fuoristrada elettrici sul mercato."

Artec Leo al lavoro su una vecchia Land Rover. (Immagine di Dave Budge / Jaunt)

Fu così che una nuova società cominciò a prendere forma per riempire il vuoto identificato da Budge: "Volevo una trazione integrale elettrica, gli australiani acquistano quasi esclusivamente quattro ruote motrici, eppure non ci sono quattro ruote motrici elettriche disponibili sul mercato", ha detto.

"L'Australia ha alcune delle più alte quantità di emissioni dei trasporti al mondo pro capite, e non è solo perché guidiamo su lunghe distanze: abbiamo auto vecchie e molto inefficienti e la legge non richiede i controlli regolari per le emissioni come nella maggior parte degli altri paesi," ha spiegato Budge.

Ma anche questo può essere un'opportunità: “Abbiamo tutte queste vecchie auto sulla strada che creano forti emissioni. D'altra parte, tutte queste vecchie auto possono essere convertite in veicoli elettrici."

Collaborando con la co-fondatrice di Jaunt, Marteen Burger, nel 2018, i due hanno unito le loro competenze e talenti - Budge come designer e direttore creativo, Burger come produttore e direttore di produzione - e hanno iniziato a elaborare un piano.

"Era il momento giusto, convertire auto è possibile da ormai 10-15 anni", ha detto Budge. "Eravamo a un punto in cui non si trattava di una sfida ingegneristica - sapevamo che si poteva fare - era più una sfida di progettazione e interfaccia utente."

Era importante non solo farle funzionare, ma anche assicurarsi che potessero adattarsi a qualsiasi condizione. (Immagine di Jaunt / Instagram)

Il primo passo è stato acquistare un'auto e smontarla. "Non esistono due Land Rover uguali: sono tutte costruite a mano", ha affermato Budge. Ma le auto vengono costruite attorno a un telaio a scala con costanza, le dimensioni di base sono rimaste le stesse per la maggior parte degli ultimi 70 anni. Queste dimensioni hanno permesso al team di capire meglio come adattare il tutto con alcune parti rimosse e alcune aggiunte, incluse dieci grandi batterie Tesla selezionate per la loro efficienza energetica e alta densità.

Il piano: durante lo smontaggio e la ricostruzione dell'auto, cercare di capire come le nuove tecniche di produzione e la moderna precisione potevano essere utilizzate per il migliorarla. "Non stiamo cercando di riprogettare l'auto esistente", ha detto Budge. "Stiamo cercando di farla andare meglio."

Per un'attività che richiedeva dettagli al millimetro, era necessaria la scansione 3D. "Un modello 3D di un telaio Land Rover semplicemente non esisteva", ha detto Budge. "E anche se fosse esistito, non avrebbe incluso tutte le dimensioni e le sporgenze e i dettagli che vengono aggiunti durante il processo di produzione."

È stato a questo punto che sono stati chiamati gli esperti di scansione 3D a Victoria.

"Il nostro team di Thinglab è stato inizialmente contattato da Jaunt per vedere quali opzioni erano disponibili per creare un modello digitale di uno dei loro telai Land Rover", ha affermato Ben Myers del Partner di Artec certificato Gold Thinglab. "Ovviamente abbiamo colto al volo l'opportunità di essere coinvolti in questo progetto e ci siamo rapidamente resi conto che era necessario l'utilizzo di Artec Leo."

Un modello 3D del telaio di una Land Rover.

"Per un progetto come questo, è necessaria un'enorme quantità di pianificazione e progettazione, considerando ogni linea e curva, ogni sezione di arco o scatola", ha spiegato Myers. "Il montaggio dei componenti, le autorizzazioni necessarie e il posizionamento delle modifiche sono sempre una sfida, perciò abbiamo bisogno di misurazioni e piani accurati."

Uno scanner come nessun altro, Artec Leo consente una precisione fino a 0,1 mm e ha il flusso di lavoro più intuitivo disponibile, con elaborazione interna e display integrato. Utilizzandolo in modalità wireless, la scansione con Artec Leo è facile come registrare un video sul tuo telefono cellulare, mentre la visualizzazione in tempo reale consente all'utente di acquisire rapidamente qualsiasi area che potrebbe essergli sfuggita. Questo lo rende un'ottima soluzione per veicoli di tutti i tipi e aree difficili da raggiungere.

Le caratteristiche di Leo sono state molto utili. (Immagine di Dave Budge / Jaunt)

"C'erano una serie di applicazioni pianificate per i dati di scansione, ma la cosa più cruciale era fornire un file STL accurato che potesse essere utilizzato in CAD", ha detto Myers. "Questi dati possono essere utilizzati per eseguire il reverse engineering delle sezioni e fornire un riferimento alla progettazione."

È stato anche creato un file di mesh a colori che ha permesso di eseguire il rendering e la creazione di immagini. Con Artec Studio, è stato facilmente prodotto un OBJ a colori ad alta risoluzione insieme a un file fortemente decimato più gestibile per i pacchetti CAD.

"La scansione di un chassis può essere impegnativa in quanto vi sono molte occlusioni. In questo caso avevamo bisogno di un modello completo, ovvero la scansione da più angolazioni," ha affermato Myers. "Era anche piuttosto radente al suolo, con poca distanza da terra, quindi abbiamo dovuto ricorrere alla scansione invertita e il display integrato di Leo, che ci hanno aiutato a risparmiare un'enorme quantità di tempo."

Utilizzando il telaio scansionato come modello, il team di Jaunt può ora lavorare su una vasta gamma di veicoli ed espandere ulteriormente la propria attività.

"Leo ci ha permesso di scansionarlo molto velocemente e ci ha permesso di avere quella risoluzione e quella flessibilità direttamente nel nostro workshop", ha detto Budge. "Ne avevamo bisogno per sapere che potevamo effettivamente costruire il nostro veicolo di produzione."

Un modello 3D consente al team di selezionare in modo efficace dove possono essere collocate le grandi batterie Tesla che alimenteranno l'auto.

Con due auto convertite con successo – la prima è stata realizzata per Mountain Ridge Winery che ha creato un nuovo vino in suo onore – stanno prendendo forma più piani mirati a destinazioni di vacanza come cantine, birrerie e hotel. "Quello che possiamo è stimolare e suscitare entusiasmo per i veicoli elettrici nelle persone in un modo completamente inedito", ha detto Budge.

E con più di 150 giorni di noleggio già prenotati in anticipo e altre cinque auto in cantiere per l'inizio del prossimo anno, Jaunt ha appena iniziato a programmare altre scansioni. "Sebbene la piattaforma di base fosse la stessa dal 1958 al 2016", ha spiegato Budge, "ci sono molte varianti di cui dobbiamo tenere conto poiché abbiamo bisogno di ogni singolo centimetro quadrato per farci stare le batterie."

"Si tratta di un grande progetto che darà nuova vita a un'icona dell'automobile molto amata", ha detto Myers. "È stata anche una grande opportunità per presentare Leo e dimostrare come può essere utilizzato."

Contattaci