Utilizzo degli scanner Artec 3D per salvare quello che rimane dalla più antica civiltà del mondo: la Mesopotamia

La sfida: nel corso di decenni, il popolo iracheno ha dovuto affrontare bombardamenti, guerre e distruzioni, e anche il patrimonio storico che costituisce la culla della civiltà ha sofferto molto. La sfida era quella di scansionare queste terre come parte di un film realizzato dal regista Ivan Erhel.

Le soluzioni: Artec Space Spider, Artec Eva, Artec Studio, Agisoft Photoscan (ora Metashape) per fotogrammetria e scansione con drone

I risultati: il film è stato completato ed è iniziato un nuovo progetto: insegnare ai giovani iracheni come usare la tecnologia di scansione 3D mentre si digitalizza collettivamente il paese.

L'acquisizione di dati in luoghi elevati ha richiesto un po' di improvvisazione

La culla della civiltà, il luogo di nascita di strumenti essenziali come la scrittura e la storia registrata: la Mesopotamia. Eppure, nonostante tutta la sacralità e il valore che altrimenti assoceremmo a un paese così ricco di patrimonio culturale, vaste distese dell'Iraq moderno giacciono in rovina, e molto è andato perso, danneggiato o distrutto in guerra.

Questo progetto è iniziato con un'idea: che era essenziale salvare ciò che poteva ancora essere salvato.

"Tutto è iniziato nel febbraio 2015 davanti a un aperitivo a casa mia, con un amico mio e di mia moglie", ha detto il regista francese Ivan Erhel. Questo amico aveva appena acquistato un Artec Eva, uno scanner 3D portatile professionale, e ne andava pazzo. "Voleva scansionare il mondo", ha ricordato Erhel.

Dopo aver visto un video dell'ISIS che distruggeva un museo a Mosul, entrambi gli uomini sono rimasti scioccati. L'amico di Erhel si lamentava di quanto fosse terribile che così tanto fosse già stato perso.

"Ha detto: 'Se fossi stato lì solo un momento prima'", ha spiegato Erhel, "'avremmo almeno un'immagine precisa del museo. Ma ormai è troppo tardi."

"Abbiamo continuato a parlare e siamo giunti alla conclusione che c'era ancora molto da proteggere in Iraq", ha detto Erhel. "Ho detto, ok, andiamo a salvare quello che è rimasto."

Alla fine Erhel si è ritrovato a coordinare il progetto da solo, affrontando molte sfide per ottenere un visto e ottenere l'autorizzazione necessaria per iniziare a lavorare. Ben presto si è reso conto che, visti tutti gli altri ostacoli che avrebbe incontrato, sarebbe stato più sensato continuare con il progetto concentrandosi su ciò che sapeva fare meglio: un film.

"Volevo davvero fare qualcosa – ma non sono un militare, non sono un politico, non ho assolutamente alcun potere", ha detto, "Ma so girare film. Quindi mi sono detto, 'Beh, giriamo un film.'"

Jawad Bashara con l'archeologo Abdulameer Al Hamdani e il fotografo Sarmat Beebl si dirigono verso il famoso Ziggurat (Foto: Films Grain de Sable)

La storia segue il viaggio di un uomo di nome Jawad da sud a nord. È uno scrittore iracheno che ha trovato rifugio in Francia e poi torna in Iraq 35 anni dopo, con l'intenzione di tornare nel suo paese e fare il possibile per preservare ciò che resta della sua eredità perduta, e ciò che rimane, utilizzando la scansione 3D.

"Il protagonista non è affatto un secchione", scherza Erhel. "Ma riesce a maneggiare lo scanner e a scansionare in modo professionale."

E con questa trama, il team è stato in grado di fare diverse cose contemporaneamente: realizzare un film, scansionare in 3D l'Iraq e dimostrare l'accessibilità della tecnologia 3D.

Scansionando per tutto il paese

La prima cosa che il team ha cercato di scansionare era ciò che resta della Via Processionale, una lunga strada in mattoni che un tempo si estendeva per circa 250 metri di lunghezza e 20 metri di larghezza. La Via era adornata da più di 100 animali e creature leggendarie, una delle quali (un mušḫuššu o mushkhushshu – un ibrido leone-drago) è stata anche scansionata. Hanno anche scansionato un mattone di fondazione del muro che commemora la costruzione dello Ziggurat di Babilonia, più comunemente noto come la Torre di Babele.

Scansione del mattone di fondazione con Artec Space Spider

E date le difficoltà osservate da queste parti, il team ha avuto il suo bel da fare quando sono arrivati per iniziare la scansione. "A Nimrud, la maggior parte dei bassorilievi è stata completamente distrutta", ha detto Erhel. "A Babilonia i Mušḫuššu hanno perso i loro colori, ma sono in uno stato di conservazione piuttosto buono in quanto sono stati sepolti sotto la sabbia per secoli. Ad Hattra invece il sito era stato occupato dall'ISIS per diversi anni e le sculture erano state deturpate, i loro volti erano stati cancellati con martelli o colpi di pistola."

Quando Erhel e la sua squadra si sono diretti in Iraq nel 2016, l'ISIS stava occupando il 30% del paese, ha ricordato Erhel. "La situazione era tesa", ha detto. "Ma siamo tornati più e più volte."

Per Erhel, Artec Space Spider è stato la scelta ideale per l'uso con una piattaforma rotante durante la scansione di piccoli oggetti come un chiodo di fondazione o un mattone, che potevano fare al chiuso, in un ambiente tranquillo. La capacità di Space Spider di eseguire il rendering di geometrie complesse, spigoli vivi e nervature sottili è ciò che lo rende una soluzione essenziale per parti piccole e dal design complesso come queste reliquie culturali, fornendo scansioni ad alta risoluzione e la migliore qualità se usato da solo o quando abbinato con un altro scanner. Sul campo Artec Eva si è rivelato il più adatto al compito, in quanto era meno sensibile ai movimenti incontrollati quando veniva tenuto su un bastone ed era in grado di analizzare oggetti più grandi come un bassorilievo con un angolo più ampio.

Il team è stato in grado di catturare luoghi alti con Artec Eva durante il viaggio

Per un monumento, largo da 60 a 75 metri e alto 30 metri, è stata utilizzata una combinazione di Eva e Space Spider. Alcune scansioni sono state eseguite anche con un drone – illegale in Iraq e di conseguenza confiscato per una settimana – mentre altre parti hanno richiesto l'uso di strumenti di fortuna per raggiungere le aree più difficili.

"Sempre con uno scanner su un bastone", ha descritto, dato che alcune parti erano così in alto che erano difficili da raggiungere ed era impossibile spostarle.

Sempre in movimento, Erhel ha guidato la sua squadra da nord a sud, scansionando ogni cosa, rovine, monumenti e volti di cittadini e soldati. "Abbiamo scansionato anche persone, quando hanno potuto vedersi sullo schermo del computer hanno capito cosa stavamo facendo", ha detto Erhel. "Ma poi chiedevano: 'Perché state scansionando – Oh, per proteggere il patrimonio culturale? Oh, la cultura! Bene, ne abbiamo un bel po’.'" ha detto, scherzando.

"L'ISIS aveva iniziato ad avanzare verso nord, quindi eravamo sul primo lato non militare di Nimrud", ha ricordato. "Purtroppo è stato completamente distrutto, ad eccezione di una scultura".

Dopo aver deciso di chiamare questa scultura l'Ultimo Sopravvissuto di Nimrud, il team ha iniziato a scansionarla con Eva, ma proprio in quel momento si sono sentiti degli spari. "Hanno sparato in aria", ha detto. "La milizia stava proteggendo il sito e pensavano che forse fossimo saccheggiatori."

Una volta spiegato il vero scopo della squadra, tuttavia, sono stati accolti calorosamente e la scansione è stata autorizzata.

Preservare ciò che potrebbe essere catturato digitalmente

A proposito della causa

Ma con la tensione, la distruzione e la morte sempre presenti e così vicine, Erhel e il suo team si sono trovati di fronte a una domanda difficile: è giusto concentrarsi sulla conservazione del patrimonio quando le persone vengono uccise ovunque e ogni giorno?

La risposta è arrivata a Erhel tramite un generale iracheno a Mosul. "Ha detto: 'Siamo come un albero'", ha raccontato Erhel. "'Quando le persone cadono, è come la caduta di foglie e rami. Ma se distruggi le radici, allora l'albero muore.'"

Ecco perché è importante prendersi cura di queste "pietre antiche", si è reso conto, anche in mezzo a guerre e sofferenze. "Abbiamo continuato ad andare avanti, seguendo l'esercito e la coalizione, fino a quando Mosul non è stata completamente liberata nel 2017", ha detto.

Restituire ciò che dobbiamo

Per questo team appassionato, il loro lavoro va oltre la conservazione culturale; è finito per diventare la cattura della storia che modella il mondo in cui viviamo oggi. "Qui è dove hanno inventato tutto", ha detto Erhel. "La scrittura, il concetto di diritto, le scoperte scientifiche, la trigonometria, la matematica, l'architettura, il primo arco ('che abbiamo anche scansionato', ha aggiunto) – l'Iraq non è solo un paese in guerra; è dove è nata la civiltà occidentale."

Il film è ormai completo, ma il lavoro e i piani di Erhel e della sua squadra sono tutt'altro che finiti. La loro prossima tappa: Un workshop in ottobre chiamato Tech 4 Heritage, dove hanno in programma di insegnare ai giovani iracheni come usare tecnologia 3D in un modo molto più educativo e coinvolgente. Erhel sta attualmente pianificando incontri con la TV irachena e quella francese per portare avanti il progetto, ma per ora il film completo di 90 minuti andrà in onda sul canale televisivo francese e tedesco Arte, dopodiché una versione più corta di 50 minuti andrà in onda in altri 20 Paesi.

"Voglio lanciare un movimento per preservare il patrimonio", ha detto Erhel. "Se insegno a 40 persone come usare il 3D, e loro lo insegnano ad altre persone, e iniziamo a raccogliere dati da tutto il paese, possiamo digitalizzare tutto", ha detto, aggiungendo che sta spedendo il suo Eva in Iraq, "a casa sua", affinché possa essere usata da altri.

Molto è ormai andato perso, ma ciò che resta può ancora essere salvato

"Il paese è diviso, ma il patrimonio culturale è ovunque in Iraq", ha detto. "E questo patrimonio è qualcosa (o l'unica cosa diversa da una squadra di calcio, ha chiarito) che può unire il Paese."

E oltre a fare tutto il possibile per unire il paese tramite l'amore condiviso per la cultura, e mobilitare le persone affinché si impegnino e restituire qualcosa ai giovani - c'è anche il sogno di instillare un po' di orgoglio nel popolo iracheno per essere la culla della civiltà.

Le antiche reliquie possono ora essere catturate digitalmente e rese accessibili a tutti

"In diversi momenti della storia Baghdad è stata il centro del mondo", ha detto. "Forse ora possiamo riunire un po' il Paese e anche ricordare al mondo ciò che tutti dobbiamo alla Mesopotamia, perché il 90% della nostra cultura ha origine qui, gli dobbiamo tutto".

E mentre il lavoro di scansione 3D va avanti in tutto il paese, la documentazione di una storia così ricca non può che giovare al mondo intero.

"Questa storia è ambientata in Iraq", ha detto Erhel, "ma è una storia che appartiene a tutti noi."

Want this delivered to your inbox?

Be the first to hear about new offers and updates from Artec 3D.

Scanners behind the story

Try out the world's leading handheld 3D scanners.