Artec Eva affronta la paralisi facciale e le emozioni che si nascondono dietro di essa

Di Loretta Marie Perera

Riepilogo: usare le scansioni di Artec Eva per esplorare i volti delle persone con paralisi facciale, combinando l'industria medica, l'arte e la tecnologia per comprenderli più a fondo.

Obiettivo: creare opere d'arte con i volti scansionati in una mostra interattiva al museo Tate Liverpool.  

Scanner utilizzati: Artec Eva, Artec Studio

Quando il direttore artistico Vic McEwan ha utilizzato Artec Eva per la prima volta per scansionare il viso di un paziente con paralisi facciale a metà del 2019, il suo obiettivo era principalmente quello di sperimentare. “Sto facendo il mio dottorato di ricerca e parte di esso è studiare la paralisi facciale e il suo significato per le persone. A quel tempo stavo lavorando con un paziente di uno dei maggiori chirurghi del nervo facciale al mondo", afferma McEwan di The CAD Factory del New South Wales. "Abbiamo iniziato a esplorare la storia dei pazienti e abbiamo deciso di iniziare a scansionare i loro volti".

Con Artec Eva, la mostra “If They Spend the Time to Get to Know Me” di Vic McEwan alla Tate Liverpool porta in scena l'arte e l'emozione dietro la paralisi facciale.

La paralisi facciale – la perdita di movimento del viso a causa di danni ai nervi - colpisce l'1,5% delle persone ad un certo punto della loro vita. Questa perdita di movimento, spesso su un lato del viso, può essere presente alla nascita o verificarsi più tardi nella vita. Può essere il risultato di un ictus o di un tumore o di un effetto collaterale di una malattia o di una lesione. Per alcuni scompare, per altri è permanente. La paralisi facciale può spesso influenzare l'interazione del paziente con le altre persone e interferire con il modo in cui gli altri lo percepiscono: oltre agli impatti negativi sul linguaggio e sulla visione, la paralisi facciale influisce anche sull’aspetto e sul modo in cui vengono mostrate le espressioni del volto. Le persone affette di paralisi facciale sono costantemente sottoposte a sguardi indiscreti e hanno un più alto tasso di depressione.

Una volta iniziata la scansione, ha iniziato a prendere forma una visione più ampia.

"Pensavo che usando la scansione e il software 3D si sarebbe verificato un distacco, ma è successo esattamente il contrario - usando tutta questa straordinaria tecnologia per ottenere queste immagini digitali tridimensionali di altissima qualità abbiamo capito che avremmo potuto usarle per esplorare la qualità emotiva al loro interno", Afferma lo studente dell'Università di Sydney.

Uno scanner 3D a luce strutturata che cattura misurazioni precise di tutti i tipi di oggetti e superfici, Artec Eva è sicuro e preciso in tutti le sue scansioni, che si tratti di una parte automobilistica, di un arto protesico, della testa di bambino o di Barack Obama.

Quando l'offerta è arrivata dal museo Tate Liverpool per mostrare le sue opere, il concetto della mostra si è subito ampliato. "Ho pensato che sarebbe stato meglio, piuttosto che mostrare semplicemente il lavoro da noi svolto in precedenza o in corso di realizzazione, far vedere che non sono solo le persone che hanno la paralisi facciale ad avere problemi con il proprio volto", afferma McEwan. "È un'opportunità di coinvolgere le persone con la scansione 3D."

Con la supervisione della dott.ssa Susan Coulson, membro fondatore del Sydney Facial Nerve Service e principale fisioterapista specializzato nella paralisi del nervo facciale, McEwan iniziò a esplorare i confini tra i mondi della medicina, della tecnologia e dell'arte.

Nel corso della mostra che si svolgerà dal 3 al 22 marzo 2020, i visitatori di Tate Liverpool saranno invitati a partecipare a questa mostra interattiva e multidimensionale: i loro volti verranno scansionati con Artec Eva, i dati verranno elaborati in tempo reale utilizzando il Software Artec Studio per la creazione rapida di modelli 3D, con una stampante 3D già al lavoro per sfornare una faccia stampata dopo l'altra. Ogni stampa richiede circa sei ore, con 110 tonalità di pelle disponibili che assicurano di ottenere il colore esatto della pelle del soggetto - permettendo anche la rappresentazione della diversità all'interno dell'opera. McEwan inizierà la mostra con alcuni dei suoi lavori precedenti, ma punta a far stampare e montare su una parete fino a 100 facce entro la fine della mostra.

Mentre i volti vengono scansionati, vengono anche stampati, e verranno tutti appesi a una parete come parte della mostra. [Foto di Vic McEwan / The CAD Factory]

Oltre alla scansione e alla stampa dei volti, diverse installazioni contribuiranno alla natura immersiva della mostra. Un video che mostra i pazienti che parlano della loro esperienza in fase di scansione, un medico che viene scansionato e stampato come parte di un progetto audio per raccontare il peso emotivo affrontato dai medici professionisti, mentre una "arpa del nervo facciale" – uno strumento assemblato su un modello del viso di un paziente – dà voce ai nervi che non funzionano più.

Le immagini fotografiche sul muro offriranno ai visitatori un'esperienza dietro le quinte di Artec Studio e come vengono generati i dati. "Ho mostrato le schermate a mia figlia di 9 anni e lei ha detto: 'Wow, guarda tutte quelle facce, sono fatte di farfalle!" ricorda. "[Anche all'interno dei dati del software] ci sono molte immagini bellissime, quasi poetiche."

Unire studi medici, arte e tecnologia per dare un'occhiata più da vicino alla paralisi facciale. [Foto di Vic McEwan / The CAD Factory]

La scansione 3D è anche un modo per sperimentare su come visitatori entrano nella galleria: possono interagire con le opere d'arte come vogliono, partecipando o soltanto guardandole da spettatore.

Un progetto ambizioso in sé, la natura internazionale della mostra ha posto ancora più sfide. "Ottenere uno scanner [in una città straniera] e portare pezzi del mio studio dall'Australia, prima di tutto", ride McEwan.

A dare una mano con la mostra a Liverpool è stato Patrick Gold, partner Artec Gold nel Regno Unito, esperto di scansione facciale e medica. "Abbiamo già lavorato con la scansione facciale, come in un caso di scansione e stampa 3D di impianti per le orecchie di bambini, e della ricostruzione del viso nella medicina legale e nell'archeologia", afferma Thorn. "In questo caso, è stato meraviglioso vedere i mondi della medicina e dell'arte combinarsi, per non parlare di questa collaborazione intercontinentale tra Australia e Inghilterra!"

McEwan ha anche dovuto lavorare con due comitati etici - uno che supervisionava il lavoro a Sydney e uno all'interno dell'università – per ottenere l'approvazione della sua scansione facciale dei pazienti.

In attesa dell'approvazione del comitato etico, sono stati scansionati solo due pazienti. Al suo ritorno a Sydney, dice, saranno sottoposti a scansione tutti i pazienti, così come tutti i medici coinvolti. Tutto questo fa parte di una mostra futura più vasta: le opere d'arte della Tate faranno parte di una mostra finale dove verranno presentate insieme a una tesi e ulteriori ricerche condotte nei prossimi anni.

Nella sua ricerca per trovare lo scanner 3D appropriato e il software di supporto, McEwan ha preso in considerazione diverse opzioni. Oltre al suo semplice processo di scansione per usare le scansioni in modo creativo, è stato anche l'effetto visivo delle scansioni di Eva ad attirarlo.

Un artistico esempio di scansione del viso. [Foto di Vic McEwan / The CAD Factory]

“Ho esaminato tutti i tipi di diversi software di scansione 3D per vedere quali avevano le immagini più belle quando venivano create – e ho adorato il software Artec. Mi ha fatto pensare di fare una copia delle sue immagini e stamparle in grandi dimensioni, da quanto sono belle. ”

All'interno di questo crocevia di medicina, arte e tecnologia, scansionare in 3D i volti delle persone e catturare le cose che spesso si trascurano, ha aggiunto un nuovo elemento a una mostra già coinvolgente e inclusiva.

"Sto entrando in un mondo medico in cui bisogna sapere tutto con precisione, in cui le persone dicono cose come 'Se non riesci a misurarlo, non è un dato di fatto'", afferma McEwan. "Ma sono qui per dire il contrario – all'interno delle cose che non possiamo misurare ci informazioni che superano tutto ciò che è clinico o pratico, e che sono vitali capirci l'un l'altro."

Contattaci