Digitalizzare la cultura buddista antica a Shenzen con Artec Ray

30/06/2020

Di Loretta Marie Perera

Avalokitesvara: Colui che incarna la compassione di tutti i Buddha. Venerato in religioni e credenze che vanno dall'Induismo al Taoismo, Avalokitesvara è conosciuto sotto molte forme e con molti nomi, da Chenrezig in Tibet a Kanzeon in Giappone, o Padmapani in India. Nel buddismo cinese, questa rappresentazione della compassione assume una forma femminile: Guanyin, la dea della misericordia.

Ci sono tre date significative per Guanyin, una dea venerata sia nella cultura buddista che in quella taoista, dove si ritiene che rappresenti la misericordia per l'umanità e una fonte di compassione per il mondo. La prima cade il 19 febbraio, il giorno in cui si dice sia nata. Il 19 giugno è il giorno della sua illuminazione - il più alto livello spirituale di verità, saggezza e conoscenza nel buddismo - e il 19 settembre , il giorno della sua rinuncia: la parte finale di un viaggio dal risveglio spirituale, la resa completa, lasciandosi alle spalle gioie e desideri mondani.

In questi giorni speciali, celebrati nelle comunità buddiste di tutto il mondo, le statue di Guanyin vengono visitate da molti pellegrini, che recano doni, offerte e preghiere; i pellegrini le chiedono benedizioni, buona salute e guida spirituale. Dai templi indonesiani alle grotte indiane, la statua di Guanyin di cui stiamo parlando si trova in cima a una montagna a Shenzhen, in Cina.

Con il rapido sviluppo in corso, questa meta di pellegrinaggio aveva bisogno di una nuova casa. Ma con la necessità di preservare la statua nella sua impostazione originale in caso di danni, c'era il desiderio di catturare Guanyin così com'era - pacifica e perfettamente adagiata su un fiore di loto.

"Questa statua verrà presto distrutta o rimossa", afferma Ivan Fung di JIE Technologies, Partner certificato Gold di Artec 3D a Hong Kong. “Potrebbe venire spostata in un altro posto tra un anno o due, quindi i nostri clienti di LK International - una società di stampa di Shenzen i cui dipendenti visitano regolarmente la statua, e che hanno recentemente iniziato a esplorare la stampa 3D - hanno voluto preservarla in digitale. In caso di danni durante il trasporto della statua, o anche se venisse distrutta, i dati digitali sarebbero disponibili e una statua sostitutiva potrebbe essere costruita con lo stesso identico aspetto e dettagli", afferma Fung.

Artec Ray è stato in grado di scansionare la statua nella sua interezza per crearne un modello 3D altamente preciso.

Per questo compito, JIE Technologies sapeva bene quale scanner scegliere per questo oggetto di grandi dimensioni che necessitava di una particolare attenzione ai dettagli: Artec Ray.

Con la massima velocità e precisione tra gli scanner 3D a lungo raggio, la tecnologia laser di Artec Ray è ideale per catturare oggetti di grandi dimensioni come aeroplani o edifici, turbine eoliche o - come in questo caso - statue. Ray scansiona oggetti fino a 110 metri di distanza, e gli oggetti entro 15 metri vengono scansionati con precisione submillimetrica ed è il migliore della sua classe in termini di precisione angolare. Oltre alla scansione veloce, i dati acquisiti con Ray sono più puliti, hanno meno rumore e consentono un'elaborazione più rapida.

Fung e il suo team non avevano mai usato prima Ray. "Lavoro soprattutto nelle fabbriche, dove ha luogo la maggior parte del nostro lavoro di scansione, per compiti industriali e di reverse engineering", afferma, citando l'esperienza con gli scanner Artec Eva, Leo e Space Spider per questi scopi. "Abbiamo usato Ray per scansionare la statua, e ci abbiamo messo quattro ore, un risultato davvero buono per una statua di queste dimensioni."

Usando un ascensore per l'edilizia per elevare lo scanner a varie altezze parallele al suolo, Artec Ray si è fatto strada intorno alla statua. Per questa scansione è stata utilizzata un'app per iPad: questa funzione di Ray rende più semplice la scansione 3D di oggetti di grandi dimensioni. Dopo quattro ore di scansione, i dati sono stati elaborati e allineati in Artec Studio da Fung e tre suoi colleghi in una giornata di lavoro.

"Se avessimo dovuto, avremmo potuto usare Artec Eva per acquisire ulteriori dettagli", afferma Ivan. "Ma in realtà, sono rimasto sorpreso dal fatto che Ray abbia scansionato bene, catturando tutti i dettagli necessari."

Per un oggetto così grande, utilizzare Ray - e solo Ray - ha fornito altri numerosi vantaggi. "Se avessimo usato anche Leo o Eva, non credo che avremmo potuto finire altrettanto facilmente", afferma Fung. "Dato che avevamo uno scanner a lungo raggio come Ray, siamo riusciti a completare il lavoro in davvero poco tempo."

I dati sono stati anche usati per stampare minuscole statue commemorative.

 

Data la possibilità di scansionare senza usare marcatori - una caratteristica di Artec Studio - il team ha eseguito meno di 10 scansioni e durante l'elaborazione dei dati le ha poi riunite.

“In termini di qualità di scansione, Artec Ray ha fornito risultati migliori e più dettagli rispetto alle altre marche di scanner da noi finora utilizzate. Abbiamo potuto vedere che i file sono molto più dettagliati", afferma Fung.

Nonostante fosse la prima volta, abituarsi a Ray è stato facile.

“Abbiamo ricevuto Ray a novembre, quindi ce l'avevamo da circa un mese. Questa è la prima volta che usiamo Ray, ed è anche la prima volta che eseguiamo una scansione perfetta", afferma Fung.

Prima dell'inizio dei lavori, il team si è esercitato nelle proprie case, uffici ed edifici. "La scansione in sé è stata semplice, è bastato premere un pulsante", dice Fung. Ciò che si è rivelato altrettanto importante è stato il software. "Siamo ben addestrati con Artec Studio", aggiunge Ivan. Con le istruzioni del team di supporto Artec, Fung e il suo team hanno proseguito con fiducia il loro primo progetto con Ray, riscuotendo un grande successo.

"I nostri clienti sono soddisfatti dei risultati della scansione e anche noi lo siamo", afferma Fung.

E adesso i dati ottenuti possono essere utilizzati per molto altro, oltre all'obiettivo originale di conservazione. Piccole versioni di Guanyin sono state stampate come oggetto commemorativo per coloro che frequentavano la montagna.

“L'abbiamo scannerizzata e ridimensionata a 10 o 15 centimetri. Abbiamo poi stampato il tutto come souvenir”, spiega Fung.

"La gente non può comprare la statua originale", ride, "Ma almeno possono comprare e portarsi a casa una copia in miniatura."

Oltre a questa scansione di successo, il progetto ha anche creato opportunità che in precedenza non erano presenti nel mercato cinese. "Altri scanner hanno molta concorrenza in Cina", afferma Fung. "Ma Artec Ray in particolare ci apre un mercato completamente nuovo."

Dopo il successo di questo progetto, JIE Technologies è fiduciosa che Ray possa aiutarli a rivolgersi ad altri clienti in Cina, come musei o progetti di architettura. E oltre ad essere un progetto completato con successo, si tratta di preservare la cultura in un clima in continua evoluzione.

“In Cina, quando il governo o gli investitori commerciali vogliono sfruttare della terra, la vendono a un prezzo più elevato per fare più soldi. Quindi, questa statua doveva essere spostata per far posto allo sviluppo del territorio e alla modernizzazione", spiega Fung.

"Questo succede abbastanza spesso in Cina, ed è bello poter proteggere parte della nostra cultura".

Contattaci