Com’è la scansione 3D di un fossile nel deserto africano?

10 set 2014

La nostra missione paleontologica è quasi giunta al termine ed è tempo di trarre alcune conclusioni e di dire alcune parole sul lato tecnologico della scansione 3D nelle condizioni estreme della savana africana.

1. Nessun fonte di energia stabile

La batteria per gli scanner ha dimostrato di essere inestimabile; è durata per due giorni e non è ancora del tutto esaurita. Ecco un trucco che riduce notevolmente il consumo di energia: tra una sessione di scansione e l'altra è meglio scollegare lo scanner dalla batteria perché l'energia viene consumata anche in modalità standby.

2. Il calore

Il secondo ostacolo che abbiamo affrontato è stato il caldo, ma i nostri scanner hanno comunque funzionato bene. Ci stavamo preparando al peggio, ma né Eva né Spider si sono mai surriscaldati, anche con +35 ° C. Il tempo di scansione più lungo con Eva è stato di circa 400 secondi; poi mi sono fermato, ho salvato il progetto e ho controllato se mancasse qualcosa. Il laptop si è surriscaldato e ha dato alcuni problemi, soprattutto per l'operatore (mi sarebbe piaciuto avere un supporto per laptop). Sarebbe stato più facile effettuare la scansione su un tablet, ma poi avremmo dovuto fare spesso delle pause per salvare la RAM del tablet e caricare i dati che avevamo registrato.

3. Luce solare diretta

Ho già accennato a come la scansione sotto la luce intensa del sole di mezzogiorno è molto difficile, quasi impossibile. Abbiamo dovuto spostare il cranio del coccodrillo gigante lontano dal sole, all'ombra di alcune rocce. Se si deve eseguire la scansione sotto la luce del sole, meglio creare un po 'di ombra artificiale, ad esempio con un ombrello. La luce solare morbida, tuttavia, non è un problema.

4. Polvere e sabbia

Le particelle di sabbia soffiate dal vento potrebbero, in teoria, causare qualche problema, motivo per cui abbiamo tenuto lo scanner in una borsa e coperto il portatile con un pezzo di stoffa durante le pause.

Tutto sommato, per la prossima spedizione di scansione in un deserto, porterei con me:

  • un parasole
  • una batteria per lo scanner
  • diverse batterie di ricambio per il laptop
  • un supporto per il laptop
  • un portatile con 32 GB di RAM o SSD

Ultimi, ma non meno importanti, prenderei Eva e Spider, ovviamente. Sono davvero molto convenienti per la scansione sul campo. Uno dei maggiori vantaggi è che sono completamente portatili. Basta dare un'occhiata al modello 3D del coccodrillo nello screenshot qui sotto. Le costole del coccodrillo erano molto difficili da catturare, semplicemente perché dovevamo scansionare quasi da sotto terra per vederne il rovescio.

Eva è molto utile per scansionare una vasta area in pochi minuti e Spider dovrebbe essere usato per i dettagli. Poiché entrambi gli scanner hanno svolto il lavoro così bene, abbiamo impiegato solo due giorni per eseguire la scansione di quattro siti, quasi tre giorni in meno rispetto al piano originale.

Un'altra funzionalità molto utile è stata la modalità Scansione continua, che "incolla" automaticamente insieme le scansioni 3D durante la scansione e ripristina la registrazione da qualsiasi posizione. Sebbene il terreno di Turkana possa sembrare marrone ed omogeneo, l'algoritmo lo riconosce perfettamente e lo utilizza come marcatore per le texture.