Artec Eva aiuta i non vedenti a "vedere" antichi manufatti

Riepilogo: Alle persone non vedenti e ipovedenti spesso non è consentito toccare gli oggetti esposti nei musei, a causa della loro fragilità.

L'obiettivo: utilizzare Artec Eva per la scansione 3D e acquisire digitalmente le mostre di due musei italiani, quindi stampare i modelli 3D in modo che i non vedenti possano toccare e sentire questi preziosi manufatti storici.

Strumento utilizzato: Artec Eva

L’esperienza di visitare un museo è sempre più appagante se si può interagire con gli oggetti esposti. Ma questa esperienza è solitamente limitata o negata alle persone ipo o non vedenti a causa della regola “Guardare ma non toccare”, comune nella grande maggioranza di musei e gallerie storiche, principalmente dovuta alla fragile natura degli oggetti.

La tecnologia 3D sta rivoluzionando l’esperienza dei musei: 3DZ, la società italiana partner di Artec, infatti ha iniziato a digitalizzare oggetti con Eva, lo scanner di Artec presso due musei locali, il Museo Nazionale Etrusco di Marzabotto e il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara. I modelli 3D ottenuti con Eva sono stampati in 3D utilizzando materiali il più possibile simili a quelli dell’oggetto originale, come ceramica, marmo e bronzo, per consentire a visitatori ipo e non vedenti di sentire la forma e la consistenza dei reperti storici.

Un cratere attico in ceramica proveniente dalla necropoli di Spina, III secolo AC, Museo Archeologico Nazionale di Ferrara.

La collaborazione con il patrimonio culturale non è nulla di nuovo per 3DZ – nel 2014 hanno collaborato alla fondazione dell’iniziativa Cultural Association 3D Lab per lanciare il progetto 3D ArcheoLab, mirato a creare gallerie 3D online, tessere tattili in Braille e guide audio per chi non è fisicamente in grado di visitare un museo.

3DZ, la società italiana partner di Artec, stampa in 3D copie di oggetti per musei locali, creando una collezione tattile per visitatori ipo e non vedenti.

Giulio Bigliardi di 3D ArcheoLab spiega che Artec Eva sta aprendo un nuovo mondo di esperienze tattili per gli ipo e i non vedenti. “Crediamo che l’accesso al nostro patrimonio culturale sia un diritto di tutti, ma sappiamo che purtroppo la maggior parte dei nostri musei non è attrezzata per garantire l’apprezzamento delle collezioni da parte di persone ipo o non vedenti”, ha aggiunto Bigliardi.

Un’urna cineraria etrusca in terracotta che illustra Echetlo, un eroe ateniese che sconfigge i nemici con l’aratro durante la Battaglia di Maratona, II-I secolo AC, Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria.

Assieme alle schede tattili e alle guide audio, Artec Eva sta portando alla luce il passato per molti che prima non erano in grado di approfittare di questa esperienza culturale.

Want this delivered to your inbox?

Be the first to hear about new offers and updates from Artec 3D.

Scanners behind the story

Try out the world's leading handheld 3D scanners.