Preservare e ricreare gli scaffali in ottone del XIX secolo di una biblioteca dell'Illinois con Artec Space Spider

La sfida: durante la costruzione dei loro nuovi scaffali, la nuova biblioteca voleva presentare gli scaffali in ottone del 1850 della vecchia biblioteca, ma solo una delle parti originali era ancora intatta.

La soluzione: Artec Space Spider, Artec Studio, stampa 3D

I risultati: è stata scansionata l'ultima mensola in ottone rimasta della biblioteca originale e si è ottenuto un modello 3D digitale. Le nuove parti sono state stampate e vendute per una raccolta fondi e per essere utilizzate nella nuova biblioteca.

Quando i college comunitari dell'Eastern Iowa a Davenport, Iowa, hanno iniziato a includere la produzione additiva in uno dei loro programmi, si sono aperte per loro nuove possibilità e un nuovo modo di lavorare.

"Nel programma in cui insegno, ci concentriamo sulla fornitura alle industrie locali di tecnici di modellazione di livello base o superiore. Il nostro programma è cambiato di recente per includere la produzione additiva", ha affermato Brad McConnell, istruttore di modellazione solida/produzione additiva.

Una delle mensole ricreate, fedele all'originale

"Una delle competenze tecniche su cui ci concentriamo per la nostra area additiva è la scansione 3D," ha spiegato. "Prendiamo oggetti e/o parti, li scansioniamo e poi creiamo parti additive dalle scansioni."

Anche se McConnell ha sottolineato come la produzione additiva sia tipicamente nota per la prototipazione e la produzione a breve termine, vede che ha molti più usi nell'arte, negli articoli di consumo personalizzati e nella conservazione degli oggetti. Uno di questi altri usi è entrato in gioco quando lui e il suo team sono stati chiamati a preservare una parte inestimabile di una vecchia biblioteca che era sul punto di essere persa per sempre.

La parte in questione qui è un oggetto di ottone decorato di uno scaffale della biblioteca del XIX secolo, dell'epoca della Carnegie Foundation. "A Geneseo, nell'Illinois, nel 1850, alla città furono concessi finanziamenti per costruire una biblioteca cittadina", ha detto McConnell, riferendosi alla biblioteca originale per la quale queste parti furono create per la prima volta. "Diversi anni fa la città ha costruito una nuova biblioteca, ma voleva creare degli scaffali per la raccolta fondi utilizzando parti degli scaffali rimasti nella vecchia biblioteca."

"Dei vecchi pezzi decorati in ottone degli scaffali originali della biblioteca ne rimaneva solo uno."

Le parti originali erano state prodotte dalla Carnegie Manufacturing alla fine del 1800

Con il loro nuovo modulo di produzione additiva all'università, McConnell e i suoi studenti erano pronti e ben attrezzati per trovare una soluzione. Per completare correttamente queste attività, c'era un bisogno critico di accuratezza e massima attenzione ai dettagli. Il loro scanner preferito? Artec Space Spider.

Uno scanner 3D ad alta risoluzione con tecnologia a luce blu, lo Space Spider è ideale per catturare piccoli oggetti e dettagli fini di oggetti più grandi. Offrendo alta precisione e colori brillanti, Space Spider si occupa di geometrie complesse, spigoli vivi e parti che sono generalmente difficili da catturare. Dalle orecchie umane alle parti industriali, Space Spider è un'ottima soluzione di scansione, sia utilizzato da solo che in combinazione con un altro scanner Artec 3D.

"I miei studenti e io siamo riusciti a scansionare la staffa di ottone in modo da ottenerne un file digitale", ha detto McConnell. "La abbiamo scansionata insieme a un altra parte utilizzata per gli scaffali, quindi ne abbiamo stampati diversi".

Una parte nuova, appena stampata, pronta per la pulizia (a sinistra). La staffa originale in ottone (al centro). Una nuova parte rimessa a posto, dopo la stampa 3D su una stampante SLA e l'elaborazione (a destra).

L'acquisizione di dati di scansione veritieri e altamente accurati ha inizialmente richiesto diversi tentativi ed errori per McConnell e il suo team. "Mi sono reso conto che l'aumento dell'impostazione della luce e della sensibilità consentiva una migliore scansione", ha detto. "Dopo aver lasciato la sensibilità a un livello abbastanza basso e aver aumentato il livello di luce, le scansioni erano già più accurate. Ho anche scoperto che ottenere solo due scansioni accurate di grandi dimensioni era meglio che avere più scansioni, ed era anche più facile allinearle." Ha aggiunto: "Qualsiasi altra parte sarà un gioco da ragazzi!"

Dopo essere state allineate ed elaborate in Artec Studio, le parti conservate digitalmente sono state quindi stampate su macchine SLA e FFF.

Con la staffa ora scansionata e stampata per vari usi come la conservazione, la raccolta fondi e per contribuire alla storia della biblioteca originale, il team non vede l'ora di creare stampi in sabbia delle versioni stampate in 3D con l'intenzione di dare vita ad alcuni pezzi preziosi in ottone o bronzo, o per alternative economiche in acciaio o ferro.

"Finora ho ricreato circa 200 scaffali senza alcun costo per la biblioteca, tutti venduti a $ 40,00 ciascuno", ha detto McConnel.

Uno scaffale appena creato, realizzato con modelli 3D delle parti originali

Con questo progetto, McConnell e i suoi studenti hanno trovato una soluzione che prima non era possibile. "I metodi precedenti includevano i tipici strumenti di misurazione: micrometri, bilance, calibri e così via", ha affermato. "Lo Space Spider ci ha permesso di misurare parti con forme organiche che prima era difficile, se non impossibile."

E il lavoro svolto finora è solo l'inizio. "Ci è stato anche chiesto di condurre una demo sulla stampa e la scansione 3D presso la nostra biblioteca", ha detto McConnell, che lavora anche con le scuole medie e superiori della zona. "La nostra biblioteca e le attività commerciali locali non vedono l’ora."