Teschio di dinosauro stampato in 3D da Artec

29/01/2012

Gli scanner 3D Artec sono capaci di portare oggetti reali nel mondo virtuale del 3D. Grazie a Gian Pablo Villamil, specialista in design digitale e membro di Thingiverse.com, la scansione eseguita da Artec di un teschio di dinosauro   ha fatto il suo ritorno nel mondo fisico con l'aiuto di una stampante 3D. Artec ha incontrato Gian Pablo per saperne di più sul recupero del cranio del Tarbosauro.

Artec: Gian Pablo, puoi parlarci un po' del processo di preparazione di un modello per la stampa 3D? Quale stampante 3D hai usato per ricreare il teschio di Tarbosaurus?

Sono stato uno dei primi utenti della stampante Makerbot 3D e mi interessa particolarmente utilizzarla per stampare forme organiche complesse. I teschi di dinosauro sono particolarmente interessanti: tuttavia, a causa di problemi di proprietà intellettuale, sono poche le scansioni 3D di teschi di buona qualità disponibili online. Sono stato molto contento di scoprire il file ad alta qualità del teschio di Tarbosaurus sul sito di Artec. Ne ho subito stampato una copia fisica.

Artec: non era possibile semplicemente prendere il modello 3D e inviarlo alla stampante, giusto? Come hai preparato il modello per la stampa? Hai usato qualche tipo di programma speciale?

Il mio strumento preferito per preparare i modelli per la stampa è Netfabb Studio Basic, disponibile in download gratuito. Netfabb offre anche una versione professionale con più funzioni. Questo programma consente di ridimensionare, sezionare, ruotare e preparare modelli 3D in una vasta varietà di formati e si concentra sulle applicazioni per la stampa 3D.

Ho aperto il teschio di Tarbosaurus in Netfabb per iniziare a lavorarci sopra e ho subito avuto una piacevole sorpresa: il modello era assolutamente perfetto, molto adatto alla stampa. Netfabb ispeziona i modelli per trovarne irregolarità, che potrebbero causare problemi di stampa, e li evidenzia. La maggior parte dei modelli non direttamente pensati per la stampa 3D mostreranno svariati errori. Tuttavia, il teschio di Tarbosaurus, così come tutti i modelli forniti da Artec, sono del tutto privi di errori.

Il passo successivo è stato quello di raddrizzare il cranio all'interno del riquadro di delimitazione. Sono stato in grado di eseguire l'operazione ruotando il modello sugli assi X e Y. Makerbot ha un'area di stampa limitata (un cubo da circa 12 centimetri), ho quindi dovuto dividere il cranio in segmenti in modo che potessero essere stampati. Inoltre, il cranio ha molti dettagli complessi e vuoti, quindi c’era bisogno di stampare un’intelaiatura di supporto. Dividere il modello in pezzi riduce la necessità di questa intelaiatura.

Artec: Quindi, hai dovuto tagliare il modello 3D in più parti?

Esatto. Usando Netfabb, ho diviso il modello in orizzontale nelle due metà superiore e inferiore, e anche verticalmente nei segmenti anteriore e posteriore. Ho eseguito i tagli in modo tale che tutte le principali aperture del modello venissero divise in due, lasciando spazio per materiale di supporto e rendendo possibile rimuoverlo in seguito.

Ho salvato ciascuno dei quattro segmenti come un file STL separato, utilizzando il comando di esportazione Netfabb, e li ho caricati in ReplicatorG, l'utility che gestisce la stampa su Makerbot. Ho usato i comandi Sposta e ruota in ReplicatorG per orientare correttamente i pezzi. La schermata di anteprima mostra il contorno di un cubo delle dimensioni dell'area di stampa, quindi ho potuto confermare che ci sarebbe stato.

Per essere pronto per la stampa, il modello 3D deve essere convertito in una serie di istruzioni che indicano alla stampante 3D dove spostare la testina di stampa e quanta plastica estrudere. Queste istruzioni vengono chiamate G-Code. Ho usato questa opzione in ReplicatorG, specificando le opzioni per stampare ad alta risoluzione (0,25 mm) e usando il materiale di supporto. Ho visto in anteprima i codici risultanti usando Pleasant3D, e tutto sembrava andare bene.

Artec: che tipo di materiale di stampa stai usando? Quanto è durato il processo di stampa?

Ho scelto della plastica ABS marrone, poiché è vicina al colore del campione originale. Ho caricato una bobina di plastica sulla stampante e ho iniziato il lavoro. Ogni pezzo ha richiesto dalle 2 alle 4 ore per venire stampato, senza problemi.

Ho assemblato i quattro pezzi con colla cianoacrilata, e via: un bellissimo teschio di Tarbosaurus tutto mio.

Artec: Wow! Sembra un vero teschio di dinosauro di un museo di storia naturale! La stampa 3D è sempre così facile?

Il processo è stato estremamente semplice, grazie soprattutto all'altissima qualità del modello di Artec. È raro che un modello così dettagliato e complesso sia privo di errori e così facile da stampare. Inoltre, nel mondo della stampa 3D, l'accesso alle scansioni di oggetti reali è estremamente importante, ed è bello vedere un'azienda come Artec realizzare prodotti che funzionano così bene con stampanti 3D a basso costo.

Artec: Grazie mille, Gian Pablo! Ottimo lavoro, davvero! Goditi il tuo teschio Tarbosaurus e, chissà, forse hai voglia di stampare qualcos'altro dalla nostra galleria 3D? In ogni caso, ti auguriamo buona fortuna per tutti i tuoi progetti!

Contattaci