Uno scultore parla di unire l'artigianato e la tecnologia 3D per la campagna #WOODVETIA

20/08/2017

Utilizzando la scansione 3D, l'artista figurativo Inigo Gheyselinck ha creato statue in legno incredibilmente realistiche di figure storiche svizzere per la campagna #WOODVETIA, lanciata dal settore forestale svizzero per promuovere l'uso del legno svizzero.

Per scolpire i corpi delle personalità storiche, Gheyselinck ha selezionato modelli con un fisico simile. Per le teste, ha usato un approccio diverso, scolpendole nell’argilla. Gheyselinck poi ha scansionato in 3D i corpi e le teste usando lo scanner 3D Artec Eva, fornito dal partner certificato di Artec 3D-MODEL AG. Ogni scansione del corpo ha richiesto non più di 15 minuti per essere completata. I set di dati della testa e del corpo sono stati assemblati utilizzando la modalità Autopilot in Artec Studio 11. I modelli 3D finiti sono stati inviati ad una macchina fresatrice CNC compatibile con CAD, che ha prodotto automaticamente le figure di legno. Ogni figura ha impiegato tre giorni per essere fresata. Infine, l'artista ha eseguito alcune modifiche manualmente, in particolare nelle aree del viso. Leggi qui l'intera storia della creazione delle sculture.

Scultura del busto del politico svizzero e del pioniere ferroviario Alfred Escher (1819-1882) su una fresatrice CNC.​

Molte persone hanno espresso interesse per questa campagna e hanno voluto saperne di più su ciò che ha ispirato l'artista a parteciparvi. Forbes ha scritto di #WOODVETIA in un articolo sulla realtà aumentata e sulla scansione 3D nell'arte. In una recente intervista, Gheyselinck ha parlato della sua motivazione, dei conflitti interni e del ruolo della tecnologia moderna nel progetto.

D: Perché tu e la tua squadra volevate essere coinvolti?

L'intersezione tra arte tradizionale e tecnologia moderna ha creato enormi possibilità e, allo stesso tempo, ha creato una zona di tensione e conflitto per molti all'interno della comunità artistica.​

R: L'intersezione tra arte tradizionale e tecnologia moderna ha creato enormi possibilità e, allo stesso tempo, ha creato una zona di tensione e conflitto per molti all'interno della comunità artistica. Così ho modellato il processo di progettazione in modo che sia la mia arte che le possibilità tecnologiche fossero pienamente coinvolte. Ma erano soprattutto i conflitti interni che sollevavano questioni essenziali sulla mia auto-percezione come artista con formazione accademica. Volevo assolutamente espormi a quell'area di tensione.

D: Cosa speri di realizzare?

Non ho mai creato un’opera in questo modo, utilizzando la tecnologia più moderna e aggiornata. È stata un’esperienza completamente nuova e quindi incredibilmente emozionante.​

R: Innanzitutto, volevo esplorare un nuovo territorio e, facendo così, scoprire e sperimentare nuovi metodi e tecniche. Non ho mai creato un’opera in questo modo, utilizzando la tecnologia più moderna e aggiornata. È stata un’esperienza completamente nuova e quindi incredibilmente emozionante. Da un punto di vista produttivo, questo progetto è stato una sfida enorme, le implicazioni tecniche del prodotto ci hanno richiesto di superare i nostri limiti.

D: Che tipo di legno hai usato?

R: Abbiamo usato legno diverso per ogni scultura. Una parte della campagna #WOODVETIA è quella di mostrare la varietà dei boschi svizzeri. Per questo motivo per ogni scultura abbiamo scelto un tipo di legno che rappresentava le origini del personaggio raffigurato.

D: Come artista, disponevi delle abilità tecniche per farlo? Ciò ha compromesso o migliorato il tuo lavoro?

La tecnologia moderna apre nuove dimensioni, non solo nella realizzazione, ma anche nel processo di creazione.​

A: Non avevo alcuna esperienza nel taglio del legno che, tuttavia, non era necessaria. In generale, lavoro con l’argilla perché offre la possibilità di ridurre il materiale dalla forma esistente, così come di aggiungere materiale, il che è diverso dal legno. Nel processo di sviluppo artistico e tecnologico (modellazione dell’argilla, scansione, scultura 3D) ho potuto concentrarmi sul disegno e per lo più era indipendentemente dal materiale dell'esecuzione finale. Rispetto ad un approccio tradizionale, dove si lavora direttamente con il materiale (legno, marmo), ho avuto molta più libertà. Questo è sicuramente il vantaggio più importante dell’utilizzo di questa tecnologia: la creazione può avvenire indipendentemente dal materiale.

D: Pensi davvero che questa nuova tecnologia possa, come hai già detto, "preservare l'arte antica?"

R: Le belle arti sono perlopiù basate su artigianato e mestieri. Ciò non può essere né sostituito né preservato dalle tecnologie. Nel nostro caso, la tecnologia ci ha permesso di creare sculture, che - cento anni fa – avrebbero richiesto molto più tempo e abilità dalle persone coinvolte. La tecnologia moderna apre nuove dimensioni, non solo nella realizzazione, ma anche nel processo di creazione. Per me, questo è un livello che non può essere facilmente confrontato con le belle arti.

Contattaci