L’incredibile (e in pericolo) fauna del parco nazionale di Sibiloi

10/09/2014

Finalmente, possiamo mostrarvi degli screenshot di scansioni di mammiferi moderni che vivono al parco di Sibiloi. La nostra connessione Internet non è abbastanza stabile qui per caricare modelli 3D, quindi lo faremo dopo il nostro ritorno.

Un'immagine 3D del cranio di un kudu minore, un'antilope che abita le foreste dell'Africa orientale. Le corna lunghe e sottili erano la parte più difficile da catturare, ma ce l'abbiamo comunque fatta.

Il Parco Nazionale di Sibiloi, nel Kenya settentrionale, ospita una grande varietà di specie, tra cui i grandi mammiferi della savana, pesci, coccodrilli e uccelli acquatici. Sibiloi è stata riconosciuta come patrimonio dell'umanità dall'UNESCO per la sua combinazione unica di fauna selvatica e patrimonio preistorico.

L’immagine 3D del teschio di una volpe africana moderna.

Rispetto alla nostra gita di due giorni al sito dei fossili giganti, non abbiamo avvistato molti animali selvatici qui: una mandria di zebre, qualche gazzella, lepri, scoiattoli e uno stormo di oche egiziane, che pascolavano vicino al grande stagno, ancora pieno dopo la pioggia.

Modello texturizzato in3D di una giraffa moderna.

Abbiamo tuttavia incontrato mandrie di capre e mucche, allevate da bambini e adolescenti, che sono fuggiti insieme ai loro animali alla vista della nostra auto. Louise ha spiegato che il pascolo del bestiame è vietato a Sibiloi, anche se quasi nessuno osserva il divieto.

Il bestiame al pascolo sposta gli animali selvatici, perché i pastori sparano ai predatori per proteggere le loro mandrie. Sparano anche agli animali selvatici per la carne piuttosto che uccidere un animale della loro mandria. Questo è il motivo per cui in soli 10 anni il santuario ha perso la maggior parte dei suoi animali: i leoni non si vedono più da molto tempo; elefanti e rinoceronti sono scomparsi; antilopi e gazzelle, una volta numerose, sono ormai rare e molta timorose delle persone.

I ranger locali non hanno autorità per perseguire i trasgressori; tutto quello che possono fare è avvertirli e chiedere loro di portare via il loro bestiame. I ranger particolarmente diligenti possono scortare i pastori fino al confine, ma quasi nessuno lo fa. Tutto questo è la rovina del parco.

Uno gnu blu, chiamato anche gnu tigrato, in 3D.

Contattaci