Le moderne tecnologie 3D hanno aiutato gli archeologi sottomarini dell'Istituto di Oceanologia a identificare le origini di un antico reperto, un'ancora rimasta sul fondo del mare per oltre duemila anni. Il modello tridimensionale a colori creato consentirà agli archeologi di studiare l'ancora con maggiore precisione.

"Sollevare l'ancora di piombo significherebbe sottoporla all'influenza dell'aria. L'aria e il processo di cristallizzazione del sale possono danneggiare gravemente questo antico artefatto. Si è deciso di digitalizzare questa scoperta unica per mostrarla agli archeologi. Abbiamo passato molto tempo a capire come e con quale attrezzatura eseguire questa procedura. "- ha detto Leonid Gavrilov, responsabile di" Laboratory K ", un'associazione di produzione scientifica.

"In primo luogo, abbiamo chiesto ai nostri colleghi tedeschi. Poi, assolutamente per caso, la nostra ricerca di partner ci ha fatto imbattere in Sergey Sukhovey del gruppo Artec. Era sicuro di poter digitalizzare l'ancora in due ore, senza toccarla. Naturalmente, abbiamo accettato l'offerta. Abbiamo trasportato l'ancora nello studio di Fyodor Konyukhov e, in effetti, l'intero processo di scansione ha richiesto solo un'ora e mezza. Dopo la procedura abbiamo rimesso l'ancora in una vasca d’acqua fresca, dove è rimasta per circa sei mesi: tali reperti sono molto rari e dedichiamo una grande cura alla loro preservazione. Gli archeologi potrebbero essere in grado di dirci, in base all'immagine creata, a quale cultura appartiene l'ancora che abbiamo trovato nel Mar Nero. "

"Questa è una tecnologia unica, sviluppata in Russia", ha aggiunto Gavrilov.

L'ancora, un reperto databile tra il 100 A.C. e il 500 D.C., si presumeva appartenesse alla cultura greca. Tuttavia, dopo un esame più approfondito della scansione 3D  dell'oggetto, è stato subito chiaro che, data la presenza di una seconda apertura e di una diversa larghezza della base, è più probabile che fosse di origine celtica.

La forma dell'ancora suggerisce che risalga al V secolo a.C. Il famoso autore romano Plinio attribuisce l'invenzione dell'ancora alla Eulampy greca, altri sostengono che fosse un’invenzione del leggendario re Mida. L'ancora è stata trovata da Leonid Gavrilov e Konstantin Slobodchikov, dipendenti di Laboratory K sul fondo della costa del Mar Nero nel settembre 2007 durante la ricerca di un oggetto spaziale non identificato caduto nell'area.

Artec Group è uno sviluppatore e produttore di soluzioni innovative basati su una tecnologia brevettata di scansione tridimensionale. Grazie alle sue caratteristiche uniche, questa tecnologia può essere applicata con successo nelle più svariate aree, tra cui sicurezza, medicina, robotica, conservazione del patrimonio, computer grafica e animazione.

La sede della società è situata in Lussemburgo, mentre lo sviluppo scientifico e tecnico è condotto a Mosca.

Artec Group è un team di esperti altamente qualificati con oltre 10 anni di esperienza nel campo dell'acquisizione e dell'elaborazione 3D. La lista di progetti internazionali di successo della compagnia è in costante crescita.

"Laboratory K" è un'associazione industriale scientifica, un gruppo di ricercatori russi specializzati in vari campi. Le loro principali specializzazioni sono la ricerca scientifica e la partecipazione a progetti di ricerca e spedizioni di ricerca. A parte la sua specializzazione principale, "Laboratory K" ha organizzato e continua a condurre spedizioni in luoghi misteriosi come il lago Nong-Kai in Tailandia; insieme all'Università di Alessandria conduce ricerche subacquee sul Faro di Alessandria, una delle 7 meraviglie del mondo; effettua spedizioni di ricerca di geoglifi a Tunisi e in Algeria; conduce ricerche biologiche in un lago sotterraneo in Cina; collabora con esperti analisti ed esperti nel campo delle previsioni; conduce ricerche di siti archeologici, ricerche in siti di corpi spaziali (meteoriti); partecipa ai programmi di ricerca di КМЕТ (Comitato sulle meteoriti).

"Laboratory K" è stato creato nel 2007 da Leonid Gavrilov, Alexander Soleny e Alexander Pushkarev, in coordinamento con l'Organizzazione di ricerca russa "Space Search".

Contattaci