L'high-tech del XXI secolo incontra la cultura del XIII secolo

19 nov 2010

È stata una bella giornata, su una bella montagna, vicino a un bellissimo monastero medievale. I dipendenti di Artec hanno lavorato su un progetto pilota lanciato pochi mesi prima dal museo storico della città di Erevan.

Ad Artec è stato chiesto di prendere parte a un progetto di conservazione del patrimonio culturale armeno, la digitalizzazione di alcuni hachkar, lapidi scolpite a mano tipiche dell' Armenia. Durante la cerimonia di inaugurazione dell'attesissima funivia del monastero di Tatevskiy, Artec ha mostrato ai visitatori l'immagine tridimensionale di un hachkar scolpito da un famoso artista del XIII secolo chiamato Momika. Gli ospiti, grazie a degli occhiali 3D, hanno potuto vedere la grande opera d'arte fin nei più piccoli dettagli.

Uno dei modelli 3D finiti è stato fresato in legno utilizzando una macchina CNC. Il souvenir così ottenuto è stato consegnato in dono al Primo Ministro armeno Tigran Sargsyan, così come ad alcuni esponenti di spicco del clero e ad altri ospiti illustri presenti alla cerimonia.