Scansioni 3D per il restauro e la conservazione di auto d'epoca

04/12/2017

Classic-Car.TV digitalizza un Ford Eifel del 1937 con gli scanner Artec 3D presso il centro di innovazione MakerSpace dell'Università tecnica di Monaco.

Come si possono registrare le condizioni di una rara auto d'epoca e prenderne misure accurate per preservarla per i posteri e garantire la disponibilità di pezzi di ricambio in caso di incidente o danno? Il team di Classic-Car.TV non è nuovo ad attività come queste. Appassionati di tutto ciò che riguarda i veicoli d’epoca, pubblicano articoli, foto e video sul sito Web Classic-Car.TV per dare al pubblico una visione d'insieme del mondo delle auto d'epoca. Classic-Car.TV produce nuove storie ogni settimana, raggiungendo circa 300.000 lettori internazionali al mese.

Obiettivi e vantaggi dell'utilizzo della scansione 3D per auto d'epoca

Il team di Classic-Car.TV sta ora lavorando allo sviluppo di un database di modelli di auto d'epoca in 3D, uno dei quali è una Ford Eifel del 1937. Il veicolo ha uno speciale telaio Gläser ed è quindi considerato un pezzo assolutamente unico.

La Ford Eifel pronta per la scansione. I bersagli sono stati utilizzati su superfici grandi e prive di struttura per garantire un tracciamento migliore.

Fino a poco tempo fa, i veicoli venivano catturati manualmente usando uno stencil: una cornice veniva posizionata attorno al veicolo che veniva analizzato a mano pezzo per pezzo. Dalle sezioni trasversali risultanti venivano creati scheletri di legno per riprodurre la forma del veicolo. Sebbene questo metodo sia abbastanza popolare, è costoso, richiede tempo e non sempre è sufficientemente preciso.

L'utilizzo di scanner 3D per questo compito ha dimostrato di poter far risparmiare tempo e denaro, offrendo risultati più precisi rispetto al metodo tradizionale. Le scansioni delle singole parti possono essere utilizzate per il reverse engineering, dove le parti vengono esaminate e spesso modificate per produrre ricambi. Questo è particolarmente importante per auto uniche come la Ford, nel caso in cui siano danneggiate. A questa macchina mancava la sua parte superiore retrattile, che ora può essere ricreata. Inoltre, il proprietario dell'auto voleva documentarne le condizioni nel modo più accurato possibile, inclusa la misurazione 3D. I dati possono anche essere utilizzati per la stampa 3D: un modello 1: 4 di questa Ford è già stato creato.

Artec 3D: la collaborazione con MakerSpace rende possibili entusiasmanti progetti

La digitalizzazione della Ford Eifel è stata facilitata dal workshop high-tech di MakerSpace, con sede a UnternehmerTUM, che è il centro di innovazione dell'Università tecnica di Monaco. Ospitato su 1.500 mq, MakerSpace offre aree di produzione per la lavorazione di metallo, legno, tessuti e altri materiali utilizzando attrezzature moderne. Il team Classic-Car.TV ha partecipato al workshop per digitalizzare la Ford con gli scanner Eva e Space Spider, forniti a MakerSpace da Artec 3D.

"La nostra esperienza consiste nella presentazione di metodi di restauro per auto d'epoca", ha affermato Kay MacKenneth, caporedattore di Classic-Car.TV. "La tecnologia moderna sta diventando sempre più diffusa in questo campo."​

Scansione dei telai principali

Gli scanner 3D offrono dati di alta qualità fin nei minimi dettagli

Il team ha utilizzato gli scanner 3D portatili Eva e Space Spider per raccogliere quanti più dati possibile sulla Ford anni '80. Più informazioni sul corpo dell'auto si ottengono, più facile è mettere insieme le scansioni per un modello 3D completo. D'altra parte, non dovrebbero essere fatte troppe scansioni: ogni sessione di scansione genera una grande quantità di dati, che richiede l'uso di potenti computer.

È stato utile ricoprire il corpo della Ford con un primer anticorrosivo opaco. Questo, oltre la assenza di finitura lucida - ha fatto risparmiare al team la necessità di utilizzare spray antiriflesso, rendendo più facile la scansione. Il corpo della Ford, l'interno, la struttura in legno e il telaio della scala su cui poggia il corpo sono stati scansionati con Artec Eva. Ciò ha consentito di acquisire accurate misure digitali e localizzare i rinforzi mancanti per ricrearli separatamente in seguito. Ma solo questo non era sufficiente: il veicolo è stato smontato in modo che il team potesse scansionare le sue parti difficili da raggiungere. È qui che è entrato in gioco Space Spider, uno strumento ideale per la digitalizzazione dettagliata: ha catturato le singole parti in altissima risoluzione.

Scansione dell'interno della Ford

"Lavorare con gli scanner Artec 3D è stata un'esperienza completamente nuova per me e ha aperto un nuovo mondo di possibilità", ha dichiarato Kay MacKenneth. "In passato, era necessario misurare una macchina classica con schemi e costruire modelli appropriati. Ciò richiedeva mesi e si rischiava di ottenere errori di deviazione. A mio parere, uno scanner 3D dovrebbe oggi far parte di qualsiasi garage d’auto d'epoca."

Elaborazione delle scansioni in Artec Studio

Le scansioni individuali sono state allineate e fuse nel software di modellazione Artec Studio 3D. Durante l'elaborazione dei dati, le scansioni sono state controllate per eventuali buchi. La scansione della Ford è stata effettuata senza intoppi ed è stato necessario ritoccare solo alcuni angoli e cavità che erano troppo acuti per essere catturati. Alla fine del processo, sono stati creati una nuvola di punti, un modello poligonale e un set di dati della trama.

I dati 3D completi facilitano la riparazione della vettura. Il modello 1: 1 può ora essere utilizzato per creare stampe 3D, stampi per lamiera e pezzi di ricambio. Grazie agli scanner 3D Artec, l'auto d'epoca è stata preservata per i posteri, gli appassionati di auto e il suo proprietario.

"Le potenzialità del nostro lavoro sono enormi e i risultati della scansione ci faranno sicuramente risparmiare mesi di lavoro", ha affermato Kay, che alla fine di agosto 2017 ha presentato il modello originale con lo slogan "Il futuro incontra il passato" alla fiera Concorso Competizione Sportivo di Monaco.

Modello 3D della Ford

Classic-Car.TV: ulteriori progetti di scansione 3D

"Insieme a MakerSpace e Artec 3D, stiamo lavorando su diversi casi in cui possiamo dimostrare come i metodi high-tech possano essere integrati nel restauro professionale tradizionale", ha affermato Kay. "Questo inizia con la ricostruzione di parti e si estende alla creazione di pezzi e alla cattura di intere forme di veicoli al fine di poterli ricreare in caso di danni. Questo è molto importante, specialmente per auto rare. "

Parlando dei suoi prossimi progetti, Kay ha menzionato la scansione della Fiat 600 Elaborazione Frua, un pezzo unico realizzato dal designer italiano Pietro Frua. Alla vettura mancano i supporti per le frecce sui parafanghi. Avevano un design molto speciale e sono ora da ricostruire grazie alla scansione 3D e al reverse engineering. "Utilizzeremo anche gli scanner per altre forme di stencil nella produzione di telai allo scopo di creare materiale illustrativo", ha affermato Kay.

Ask a question