Artec visita l'Artide con gli archeologi di 3DVisLab

14/03/2019

Negli ultimi due anni, i ricercatori di 3DVisLab hanno lavorato con il progetto di archeologia Nunalleq vicino al villaggio alascano di Quinhagak per sviluppare una risorsa educativa digitale per aiutare i bambini locali a conoscere il loro patrimonio culturale Yup'ik.

Il 3DVisLab dell'Università di Dundee ospita un piccolo ma diversificato gruppo di ricercatori impegnati in progetti che vanno dall'indagine sottomarina di relitti navali a scavi e ricognizioni aerea a scopo archeologico. I dati raccolti in questi progetti vanno dall’analisi di intere zone geografiche a quella di singoli siti e reperti, quindi è essenziale disporre di metodi affidabili e adatti a ogni evenienza. Il team utilizza uno scanner Artec Spider già da molti anni. Il loro primo scanner veniva usato in condivisione con il Center for Anatomy and Human Identification (CAHID) dell'Università di Dundee, ma non ci è voluto molto perché lo scanner diventasse una parte essenziale del lavoro di 3DVisLab, quindi nel 2018 il laboratorio ha acquistato un Artec Space Spider personale.

Artec Space Spider usato per documentare reperti sottomarini della prima e della seconda guerra mondiale come parte del lavoro di 3DVisLab sul progetto Scapa 100.

Il laboratorio si è rivolta al fornitore preferito dell'università, Patrick Thorn & Co, Partner Gold di Artec, per l'acquisto del nuovo equipaggiamento, e Patrick stesso ha raggiunto Dundee per un paio di giorni, non solo per consegnare lo scanner ma anche per fornire uno strumento di valore inestimabile, la sua esperienza in fatto di scansioni 3D. La dott.ssa Alice Watterson, archeologa e assistente di ricerca post-doc di 3DVisLab, ha dichiarato: "Le lezioni di Patrick sono state di enorme aiuto. Usavo già lo scanner che condividevamo con CAHID da circa un anno, e conoscevo abbastanza bene il processo, ma questo training aggiuntivo si è rivelato molto completo e ha portato le mie competenze al livello successivo. "

Da quando è arrivato in laboratorio, il nuovo Artec Space Spider ha condotto una vita molto movimentata, in particolare trascorrendo un'estate in uno scavo archeologico nella tundra dell'Alaska. Negli ultimi due anni, i ricercatori di 3DVisLab hanno lavorato con il progetto di archeologia Nunalleq vicino al villaggio alascano di Quinhagak per sviluppare una risorsa educativa digitale per aiutare i bambini locali a conoscere il loro patrimonio culturale Yup'ik. In collaborazione con l'organizzazione gestita dal villaggio, Quinhagak Heritage Inc, gli archeologi dell'Università di Aberdeen, guidati dal dott. Rick Knecht e dalla dottoressa Charlotta Hillerdal, effettuano scavi nel sito quasi ogni estate dal 2009, per indagare i resti di una grande capanno indigeno risalente al 15° secolo o anche prima. Durante gli scavi, hanno scoperto una collezione ineguagliabile di oltre 60.000 reperti relativi alla vita quotidiana dei popoli eschimesi Yup'ik: attrezzature da caccia, coltelli in ardesia, bambole e statuine intagliate, ciotole in legno, maschere da ballo in legno e canestri intrecciati, solo per dirne alcuni.

Video illustrativo dell'interno della casa di campagna, che mostra i manufatti scansionati da Artec e personaggi disegnati da Tom Paxton.

Questa risorsa educativa consente ai bambini di esplorare una ricostruzione della casa di campagna costruita a partire dalle interpretazioni dello scavo e le conoscenze della tradizione locali. Mentre l'utente naviga l'interfaccia, può fare clic sugli oggetti selezionati per visualizzare le scansioni 3D dei reperti trovati nel sito e ascoltare le voci degli anziani del villaggio, degli archeologi e degli artigiani per scoprire di più sui ruoli che hanno avuto nella vita dei loro antenati. Usare le scansioni di Artec in questo modo, dove ogni oggetto 3D è accompagnato da una spiegazione a voce, rispetta i metodi tradizionali di narrazione orale degli Yup'ik.

Il visualizzatore di manufatti che consente ai bambini di interagire con i modelli realizzati con le scansioni di Artec Space Spider.

La collaborazione è stata centrale in questo progetto, il materiale per la risorsa è stato sviluppato lavorando fianco a fianco della comunità del villaggio per garantire che il contenuto rifletta le credenze e i valori degli Yup'ik. Le maschere da ballo in legno intagliato sono tra gli oggetti più affascinanti che arrivano da Nunalleq. Sicuramente suscitano il massimo entusiasmo tra gli archeologi e la comunità locale ogni volta che se ne riporta una alla luce durante uno scavo. Maschere come questa erano usate per la danza tradizionale Yup'ik detta yuraq . Alcune delle maschere di Nunalleq conservano ancora tracce di vernice rossa, bianca e nera, che ci ricordano del loro colorato aspetto di un tempo.

Il dott. Rick Knecht e il ricercatore di dottorato Anna Mossolova sollevano con cura una maschera dallo scavo del capanno di Nunalleq.

Il team di Dundee sta sviluppando con il programmatore John Anderson un'interfaccia all'interno della risorsa educativa che consenta ai bambini interpretare i reperti dipingendo sulle scansioni fatte con Artec Space Spider e su alcune delle maschere Nunalleq utilizzando gli stessi colori che i loro antenati avrebbero avuto usato. "Vedere bambini giocare con le prime versioni della nostra risorsa educativa, e interagire con i reperti, è stato straordinario" , dice Alice. "Permettere ai bambini di guardare i modelli 3D è una cosa, ma dargli la possibilità di dipingere direttamente sui modelli digitali dà loro un'interazione più significativa."

Utilizzando i modelli creati con le scansioni di Artec Space Spider, il team di 3DVisLab ha sviluppato un'attività di pittura delle maschere sulla risorsa educativa.

Il villaggio di Quinhagak ha una popolazione di circa 750 persone e si trova nella remota regione dello Yukon-Kuskokwim in Alaska. Nel 2018 il paese ha fatto le pagine dei giornali quando la collezione di oltre 60.000 manufatti è ritornata dopo un lungo viaggio dal laboratorio di conservazione di Aberdeen, in Scozia, per essere ospitata nel nuovo centro culturale e archeologico di Nunalleq, gestito dal villaggio. Questo rappresenta un enorme passo nella giusta direzione verso la decolonizzazione dell'archeologia indigena, ma mostra anche quanto sia essenziale raggiungere il pubblico per consentire l'accesso a questa raccolta remota, la più grande mai recuperata in Alaska. Alice nota che "la logistica del lavoro sul campo in Alaska è a dir poco impegnativa. Poter portare lo scanner Artec a mano da Dundee a Quinhagak attraverso numerose connessioni di volo su aerei sempre più piccoli ha reso le cose molto meno stressanti. Una volta che lo scanner è arrivato al villaggio , ha catturato oltre 150 manufatti, che ora possono essere ricreati digitalmente dagli archeologi e dalla comunità e condivisi con il resto del mondo. Lo scanner, insieme all'ultimo software Artec Studio 13, è diventato uno strumento inestimabile per questo progetto; con la modalità di visualizzazione radar 3D la scansione è più semplice, l'elaborazione è più veloce e il colore è molto più realistico. Ora passeremo al nostro prossimo progetto, speriamo in un luogo più caldo! "

Artec Studio 13 utilizzato per visualizzare una maschera di trasformazione di tricheco della collezione di Nunalleq.

Contattaci