La tecnologia di scansione Artec 3D ricrea i dinosauri in Jurassic World

29/06/2015

Jurassic World ha appena sfondato il record di tutti i tempi per gli incassi nel weekend di apertura, alzando gli standard per gli artisti di effetti speciali, esattamente come fu fatto dai tre precedenti episodi della serie di Jurassic Park. Siamo estremamente orgogliosi che i nostri clienti di Legacy Effects abbiano contribuito a questo successo di botteghino usando uno scanner Artec per creare i dinosauri più verosimili che mai si siano visti su schermo!

Qui c'è un eccezionale video del dietro le quinte che mostra l'abilità nel ricavare una delle scene più cruciali, avente per protagonista un primo piano della testa e del collo di un dinosauro che interagisce coi due attori principali. È stupefacente quanto sembrino naturali i movimenti e le espressioni del dinosauro – questo animatrone sta di fatto recitando nella scena.

Ora, come ha fatto il team di LE a rendere il dinosauro in modo così realistico? Il processo è stato abbastanza complesso, come mostra il video. La parte più interessante per noi è come uno scanner Artec abbia risolto i problemi concreti del team. Hanno iniziato abbozzando la testa e il collo del dinosauro, quindi aggiungendo i dettagli e quindi, a quanto riporta il comproprietario di LE John Rosengrant, “Steven Spielberg disse a Tony [Trevorrow, il regista] che doveva essere più grande”.

Nel mondo precedente alle scansioni 3D, avrebbero dovuto ripartire da capo, ma fortunatamente avevano uno scanner portatile Artec, MH. Anche se si tratta di un vecchio modello, funziona ancora bene per effetti speciali di alta qualità.

Quando al team è stato richiesto di scalare il modello, hanno messo in ballo lo scanner MH, che potete vedere al lavoro a partire dal minuto 1:19 del video. La soluzione scelta dagli ingegneri di LE è stata una prototipazione rapida – hanno scansito il modello fisico con lo scanner MH per renderlo un modello 3D, che hanno poi modificato in un software CAD.

“Scansiamo quello che gli artisti tradizionali hanno scolpito e a quel punto, una volta che è nel computer, possiamo usare qualsiasi scala sia necessaria”, dice il responsabile dell'ingegneria dei sistemi della LE, Jason Lopes. “Quindi invece di ricominciare da capo, siamo stati in gradi di salvare parecchie oreuomo.”

Lo scanner MH è quello che ha ispirato la nuova generazione di scanner manuali Eva. Entrambi hanno la stessa risoluzione 3D, l'accuratezza di punti e il campo visivo lineare, ma Eva scansiona più rapidamente, vanta un rapporto tra accuratezza e distanza cinque volte più alto e renderizza la textura dell'oggetto scansito, ottenendo quindi un modello completamente colorato.

Ask a question