Illeret: la terra delle orme di un milione e mezzo di anni fa

8 set 2014

Negli ultimi giorni i nostri portatili sono stati impegnati ed elaborare alcuni progetti di enormi dimensioni. Non è praticamente possibile eseguire altre operazioni quando tutta la RAM è impegnata nelle operazioni di Globalizzazione e Fusione. Appena avremo finito con gli animali, ci occuperemo dei teschi di ominidi, i cui stampi sono conservati in laboratorio.

Il team Artec 3D  & Timothy Gichunge, un ricercatore di TBI.

A 15 minuti di auto dal campo TBI si trova il villaggio di Illeret, a cui abbiamo deciso di dare un'occhiata mentre aspettavamo che i laptop elaborassero le scansioni. Illeret è un sito archeologico con delle orme di Homo erectus di un milione e mezzo di anni fa, la seconda traccia di ominidi più antica mai trovata!

Il villaggio ha una popolazione di circa 5.000 persone. La maggior parte delle case sono fatte di rami e materiali di costruzione di fortuna come contenitori di plastica, bottiglie e lamiere di ferro. C'è una scuola, una chiesa e una biblioteca, che per lo più ha libri in inglese. Questi vengono letti solo dai bambini, perché gli anziani parlano solo lo swahili e i dialetti locali.

Il villaggio di Illeret.

Siamo venuti a Illeret per incontrare Stephen. È membro di Malteser International, un'agenzia di soccorso che proviene dall'ordine medievale dei cavalieri di Malta. Malteser International opera in Kenya dal 2001 e ha filiali in tutto il paese.

Dopo che una disastrosa siccità ha colpito la regione nel 2011, l'agenzia ha aperto una filiale a Illeret. Hanno già costruito un mulino a vento per rifornire il villaggio di elettricità e aiutare i locali a prepararsi ad un'eventuale prossima siccità: ora tutte le grandi case sono dotate di fognature e taniche usate per raccogliere l'acqua potabile.

Stephen ha vissuto a Illeret per un anno. Una volta ogni tre mesi va a Nairobi per una vacanza, che consiste nel dormire su un letto morbido e mangiare una pizza. Ci vogliono tre giorni per arrivare a Nairobi se sei fortunato, motivo per cui nessun altro volontario va nel villaggio e la fornitura di cibo è molto scarsa.

Illeret vive principalmente di latte di capra - è severamente vietato uccidere le capre per la carne. Anche se il lago è abbastanza vicino, non è permesso pescare: non ci sono abbastanza pesci nel lago per catturarli senza rovinare l'ecosistema del lago.

Non molto tempo fa alcuni imprenditori somali hanno aperto un negozio nel villaggio per vendere riso, vestiti e bevande. Poche persone hanno soldi da pagare, quindi ricorrono spesso al baratto. I prezzi sono circa tre volte più alti di quelli di Nairobi.

Stephen dice che è difficile per lui vivere in tali condizioni, ma la gratitudine della gente del posto e l'opportunità di vedere come la vita nel villaggio cambi è una ricompensa sufficiente per tutte le difficoltà.

Bambini di Illeret mentre giocano.