Eva, la grande star di una fonderia di successo

È sempre un vero piacere ricevere testimonianze di professionisti che hanno migliorato le loro performance grazie agli scanner Artec. Una di queste compagnie è Willman Industries Inc., una fonderia con sede nel Wisconsin, che offre soluzioni di design, modellazione, trattamento termico e meccanizzazione. Willman ha acquistato un Artec Eva da uno dei nostri partner statunitensi, Exact Metrology.

La Willman era già famigliare con i benefici degli scanner 3D, ma volevano modernizzare il loro vecchio scanner laser e il loro braccio meccanico Faro. L’efficienza nel lavorare con gettate fino a 14,000 chilogrammi è stata quello che gli ha fatto scegliere l’Eva, spiega Steve Young, il proprietario di Exact Metrology.

“Con le gettate più larghe, lo scanner [Artec] può essere portato sul luogo della colata invece che dover spostare la colata fino al braccio meccanico”, spiega Dana Green, un account manager a Exact Metrology. “Questo, insieme al profondo campo visivo, permette una maggiore velocità di cattura rispetto al braccio con scanner. Inoltre le tolleranze di accuratezza fanno parte delle capacità dell’Eva.”

Fin dall’acquisto, dice Randy Parker, il quality manager di Willman, l’Eva è stato utilizzato praticamente ogni singolo giorno per compiti più o meno grandi. Parker stima che l’Eva è stato uno strumento essenziale per il controllo di qualità di circa 50 lavori, “dando risultati ben oltre le aspettative.”

 

Eva è facile da operare quando si scansiona una gettata.

Usare EVA come strumento di analisi della qualità rende fondere il metallo un lavoretto da ragazzi.

“Grazie all’Eva, abbiamo apportato numerosi miglioramenti ai nostri processi. Il nostro controllo dimensionale è migliorato non solo grazie alla possibilità di misurare le colate, ma anche al poter controllare svariati processi”, riferisce Parker.

Il controllo dimensionale è svolto per determinare se la qualità della colata incontra i valori attesi, grazie alla comparazione dei dati catturati con lo scanner confrontati con file CAD. Ciò aiuta anche con problemi che potrebbero sorgere durante il processo di colata come il core shift. L’Eva cattura i dati con un livello di accuratezza perfettamente adeguato alle necessità della colata, processando i dati di colate più grandi molto più velocemente che con uno scanner laser.

“Usando lo scanner laser passerebbero ore per scansionare una grande colata, aggiungeteci il tempo di elaborazione dei dati e ci vorrà un giorno per avere i risultati”, riferisce Green. “Con l’Eva la colata viene rilevata in meno tempo e fornisce risultati processati più in fretta, permettendo così un feedback più veloce sul processo di produzione per mantenere la qualità.”

Secondo Parker, le industrie Willman hanno addirittura espanso l’utilizzo primario per il quale avevano comprato l’Eva per includere analisi dei materiali, scansioni degli stampi, reverse engineering e risoluzione dei problemi.

È possibile incontrare alcuni problemi durante le colate, come il raffreddamento irregolare. Con la cattura dati più veloce e i risultati di misurazione, Parker può rilevare errori in porzioni di una colata che possono essere attribuiti solo ad un raffreddamento irregolare. Questo aiuta a regolare i mezzi di produzione, consentendo in minori perdite di produzione in tempo e materiali.

Parker riferisce che l’Eva avrebbe consentito una disposizione delle colate più rapida, ma è strabiliato di come con l’attuale ritmo di produzione alcuni compiti sono portati a termine con il 75% di tempo in meno. Ha elencato alcune operazioni di colata che una volta richiedevano un periodo dai sette ai dieci giorni, e ora vengono ultimate in sei o dieci ore.

Parker considera l’Eva “incredibilmente efficiente”, aggiungendo che “il ritmo di cattura dati è fantastico.”

“Senza dubbio l’Eva ha fatto risparmiare alla compagnia un sacco di soldi.” Dice Parker. “Lo presenteremo ai clienti come uno strumento di valore che ci permetterà di soddisfare ogni loro richiesta.”

Ask a question